staff

Romano Valentini, direzione artistica

Romano ValentiniNato a Ravenna, dove ha iniziato gli studi musicali, si è diplomato in pianoforte con il massimo dei voti al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze sotto la guida del Maestro Stefano Fiuzzi, studiando successivamente a Milano con Emilia Fadini e Ottavio Dantone clavicembalo e basso continuo.

Nel 1983 insieme ad un gruppo di musicisti ravennati fonda l’ 'Accademia Bizantina', ensemble di musica antica con strumenti originali con la quale, in qualità di continuista al cembalo e all’organo, ha effettuato tournée in tutto il mondo partecipando regolarmente ai più prestigiosi Festival, Nazionali ed Internazionali, alle produzioni d’opera e ad una intensa attività discografica.

Nel 2005 dà vita a ‘Creator’, un progetto dedicato alla Musica Sacra - giunto quest'anno alla VIII edizione - spazio privilegiato per l’esecuzione, l’approfondimento storico, filologico e musicologico di opere di alto contenuto religioso ed artistico, una rivisitazione dell’antica tradizione musicale sacra, operata con la passione umana e gli 'strumenti' del presente.

In collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Faenza nel 2008 fonda la 'Scuola Grande di San Filippo' un luogo  ideale di alta formazione artistica dal quale hanno avuto origine l'Accademia Italiana per la Direzione d'Orchestra e "la Grande Orchestra", giovane compagine formata dalle migliori risorse artistiche del territorio.

L’Associazione culturale ‘Bal’danza’ di Ferrara gli ha affidato dal 2009 la direzione artistica della propria stagione di concerti a Palazzo di Ludovico il Moro, una splendida residenza cinquecentesca.

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


Laura Capogrossi, segreteria

Si laurea a Roma inLaura_Capogrossi Sociologia, corso di Antropologia Culturale, presso l'Università "La Sapienza".

Nel corso degli anni matura  numerose esperienze nel settore musicale e teatrale come Local Promoter, Tour Manager per spettacoli di prosa, musica leggera e Musical, Assistente di cantanti lirici, Assistente alla Direzione Artistica, per poi dedicarsi al mondo della musica antica con strumenti originali.

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


Nicola Valentini, direttore  'la Grande Orchestra'

nicola-valentini

L’incontro con Ottavio Dantone e con l’esperienza dell’ensemble di musica antica Accademia Bizantina di Ravenna, sua città natale, ha segnato fortemente il suo percorso formativo intrapreso fin dalla giovanissima età, suscitando un notevole interesse per la prassi esecutiva barocca.

Diplomato in violoncello al Conservatorio di Parma nella classe di E. Contini, parallelamente agli studi di composizione con F. Agostinelli e di direzione con G. Serembe, si è dedicato ad un approfondimento costante dell’interpretazione del repertorio vocale e strumentale del ‘6/’700 sotto la guida del M° Dantone affrontando pagine di autori noti e partiture inedite, collaborando alla realizzazione di concerti, incisioni, oratori e soprattutto opere quali “Olimpiade” e “Flaminio” di Pergolesi, “Ratto dal Serraglio” e “Così fan tutte” di Mozart, “Annibale in Torino” di Paisiello, “Viaggio a Reims” e “Italiana in Algeri” di Rossini, “Giulio Cesare”, “Rinaldo”, “Alcina” e “Orlando” di Handel, “Tito Manlio” di Vivaldi, “Una Cosa Rara” di Martin Soler, “Orfeo”, “Il ritorno di Ulisse” e “L’incoronazione di Poppea” di Monteverdi.

In qualità di assistente di Dantone ha partecipato ad importanti produzioni al Teatro alla Scala di Milano, La Fenice di Venezia, il Comunale di Ferrara, l’ Alighieri di Ravenna, il Metropole di Lausanne, l’Opera du Rhin di Strasburgo, il Palau de Les Arts di Valencia, Teatro Campoamor di Oviedo, e recentemente al prestigioso Festival di Glyndebourne, collaborando con artisti tra i quali R. Carsen, P. Pizzi, E. Sagi, S. Prina, O. Peretyatko, R. Invernizzi, M.G. Schiavo, V. Jenaux, A. Bonitatibus, L. Pisaroni, P. Spagnoli, G. Furlanetto, R. Novaro.

Ha debuttato con successo nel dicembre 2010 alla guida de ‘La Grande Orchestra’ di Faenza e successivamente ha tenuto concerti in diverse città italiane in qualità sia di direttore che di violoncellista concertatore, dirigendo varie formazioni con strumenti moderni e d’epoca.

Nel luglio 2012 ha debuttato allo Staatstheater Oper di Norimberga con l’opera 'Ezio' di C.W.Gluck.